Le piattaforme digitali del secondo welfare

Andrea Verani Masin, Direttore Commerciale di DoubleYou, è intervenuto nello speciale di maggio dedicato al welfare del magazine “Vita”.

In Italia sono 78 i provider italiani di servizi welfare, di cui solo 30 risultano proprietari del portale attraverso cui operano. I lavoratori registrati sono 1,7 milioni, di cui otto su dieci attivi.

Tra i servizi più apprezzati, al primo posto le forme di assistenza integrativa seguite subito dopo dalle misure per la famiglia. Le ragioni del successo di questa tipologia di servizi sono da ricercarsi nel costante indebolimento delle politiche pubbliche rivolte alla famiglia.

Per Andrea Verani Masin, direttore commerciale di DoubleYou srl, “è del tutto evidente che l’accelerazione di questo tipo di servizi è legata ad una normativa favorevole. Ma oggi il welfare aziendale, quello libero volontario, è sempre diventato un fattore competitivo del business.” Questo significa, per il direttore commerciale, che “se anche le regole dovessero cambiare e venisse meno il trattamento premiante dal punto di vista fiscale non ci sarebbe una contrazione dell’offerta. Cambierebbe, adeguandosi ai nuovi scenari, ma la trasformazione culturale è ormai avvenuta. Oggi il welfare aziendale non è più visto come qualcosa di oscuro e poco comprensibile, ma è accettato come uno dei servizi che le aziende danno tanto quanto sono le auto aziendali, i fondi pensione e le casse sanitarie.”

Leggi qui sotto l’articolo completo.

Comments are closed.