Dal welfare aziendale una spinta ai contratti di secondo livello

Esenzione fiscale estesa alle intese tra datore e lavoratori

Dal welfare aziendale una spinta ai contratti di secondo livello

Dal welfare aziendale una spinta ai contratti di secondo livello 150 150 DoubleYou

Il disegno di Legge di Stabilità 2016, ormai giunto quasi al traguardi di approvazione,  introduce importanti novità sul tema del welfare aziendale.

Il dipendente potrà costruire il suo pacchetto benefit scegliendo tra un paniere di servizi welfare sempre più ampio: dai servizi per scopi specifici di educazione, istruzione, ricreazione fino all’assistenza sociale e sanitaria.

Tutti questi benefit dal 2016 saranno esentasse, oltre se assegnati volontariamente dall’azienda, anche se previsti dai contratti “integrativi”. In più il singolo dipendente avrà la facoltà di scegliere se ricevere in servizi welfare tutto o una parte del premio di produttività con un forte incentivo fiscale, senza subire nemmeno la tassazione del 10% prevista per i premi.

I benefit potranno essere offerti attraverso documenti cartacei o elettronici, riportanti un valore nominale.

Per leggere la notizia completa clicca qui!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.